Maria Consiglia Rasulo

Maria Consiglia Rasulo

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

WorkshopIl 28 e 29 maggio prossimi si terrà presso l'Università di Pavia il “2nd Italian Workshop on Radar and Remote Sensing”, organizzato dal Gruppo italiano di Tecnologie dell'informazione e della comunicazione (GTTI) con il supporto del CNR IREA - Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente.

Il workshop mira a fornire un forum per lo scambio scientifico tra la comunità italiana e quella internazionale nel settore del Radar e Remote Sensing e delle loro applicazioni.

La scadenza per le sottomissioni degli abstract è il 5 aprile 2018

Scarica la Call for Paper


Vai alle altre notizie in evidenza 

eventi2

2017

4 novembre, alle ore 18.00 presso il Palazzo Ducale di Genova, Sala Camino, Vincenzo De Novellis e Giuseppe Solaro del CNR-IREA terranno una Conferenza nell'ambito del Festival della Scienza di Genova dal titolo: "Spazio e Terra a contatto. L'osservazione dei fenomeni geologici da satellite".
3 novembre, alle ore 21.00, nell'ambito del Festival delle Scienze di Suzzara (Mantova), Mariano Bresciani e Monica Pinardi del CNR-IREA incontrano i cittadini per discutere il tema: "Cambia il clima, siccità e poca acqua in Val Padana: nuovi scenari per l'ambiente naturale e per chi produce".
18-22 settembre, Stazione Sperimentale E.Zilioli di Sirmione - Sirmione del Garda (BS)AIT Summer SchoolApplication form Deadline: 30 aprile 2017 
29-30 aprile, Università degli Studi di Napoli Federico II, Corso Nicolangelo Protopisani 70, San Giovanni a Teduccio. International Space Apps Challenge 2017
28 marzo ore 16:00, Facoltà di Ingegneria - Plesso di Agnano Aula T-A4 - seminario del prof. Koichi Ito, professore emerito dell’università di Chiba (Giappone), su "Recent Medical Applications of Electromagnetic Waves"  
6 marzo, visita di studenti del Liceo Scientifico Statale “A. Nobel” di Torre del Greco presso l’Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente di Napoli
26-27 gennaio, Convegno IREA, Grand Hotel Santa Lucia, Napoli 

  


Anni:  2018   2016   2015   2014   2013   2012   2011
 
20-21 e 27-28 febbraio, parte LA SICUREZZA ALIMENTARE E LE RISORSE AMBIENTALI CON IL CNR, un'iniziativa in cui i ricercatori dell'IREA CNR e di altri istituti milanesi incontrano il pubblico al Museo Scienza e Tecnologia L. Da Vinci in laboratori interattivi di alimentazione, biotecnologie, genetica, materiali. Ulteriori informazioni qui.

Contributi in rivista: 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017

  

  1. Bellizzi GG, Bevacqua M, Crocco L, Isernia T, “3-D field intensity shaping via optimized multi-target time reversal”, IEEE Transactions on Antennas and Propagation, Vol. 66 (8), pp 4380 – 4385, doi: 10.1109/TAP.2018.2841412.

  2. Pascucci S, Carfora MF, Palombo A, Pignatti S, Casa R, Pepe M, Castaldi F, “A comparison between standard and functional clustering methodologies: Application to agricultural fields for yield pattern assessment”, Remote Sensing, Vol. 10 (4), doi: 10.3390/rs10040585.

  3. Neris dos Santos RV, Almeida ER, Porsani JL, Teixeira FL, Soldovieri F, “A Controlled-Site Comparison of Microwave Tomography and Time-Reversal Imaging Techniques for GPR Surveys”, Remote sensing, Vol. 10 (2), doi: 10.3390/rs10020214.

  4. Bordogna G, Capelli S, Ciriello DE, Psaila G, “A cross-analysis framework for multi-source volunteered, crowdsourced, and authoritative geographic information: the case study of volunteered personal traces analysis against transport network data”, Geo-spatial Information Science, Vol. 21 (3), doi: 10.1080/10095020.2017.1374703257-271.

  5. Ditommaso R, Cuomo V, Soldovieri F, Ponzo FC, “A holistic approach to long term SHM of transport infrastructures”, The International Emergency Management Society Members Newsletter.

  6. Ludeno G, Capozzoli L, Rizzo E, Soldovieri F, Catapano I, “A microwave tomography strategy for underwater imaging via ground penetrating radar”, Remote Sensing, Vol. 10 (9), doi: 10.3390/rs10091410.

  7. Akinci MN, Cayoren M, Akduman I, Crocco L, “A Simple Approach for Estimating the Effective Electric Parameters of 2-D Targets”, IEEE Transactions on Antennas and Propagation, Vol. 66 (4), pp 2026 – 2034, doi: 10.1109/TAP.2018.2794356.

  8. De Matteo A, Massa B, Milano G, D'Auria L, “A transitional volume beneath the Sannio-Irpinia border region (southern Apennines): Different tectonic styles at different depths”, Tectonophysics, Vol. 723, pp 14-26.

  9. Comite D, Murgia F, Catapano I, Soldovieri F, Galli A, “Advanced Imaging for Down-Looking Contactless GPR Systems, Applied Computational Electromagnetics Society Journal, Vol. 33 (7), pp 724-729.

  10. Wasowski J, Bovenga F, Nutricato R, Nitti DO, Chiaradia MT, “Advanced satellite radar interferometry for deformation monitoring and infrastructure control in open-cast mines and oil/gas fields”, Innovative Infrastructure Solutions, Vol. 3 (1), doi: 10.1007/s41062-018-0176-x.

  11. Corsetti M, Fossati F, Manunta M, Marsella M, “Advanced SBAS-DInSAR Technique for Controlling Large Civil Infrastructures: An Application to the Genzano di Lucania Dam”, Sensors, Vol. 18 (7), doi: 10.3390/s18072371.

  12. Lanucara S, Praticò S, Modica G, “Armonizzazione e condivisione interoperabile di dati geospaziali multi temporali per la gestione del paesaggio rurale”, LaborEst, Vol. 17, pp 39-44, doi: 10.19254/LaborEst.17.07.

  13. Bucci OM, Bellizzi G, Costanzo S, Crocco L, Di Massa G, Scapaticci R, “Assessing detection limits in magnetic nanoparticle enhanced microwave imaging”, IEEE Access, Vol. 6, pp 43192- 43202, doi: 10.1109/ACCESS.2018.2861461.

  14. Villa P, Pinardi M, Bolpagni R, Gillier JM, Zinke P, Nedelcu F, Bresciani M, “Assessing macrophyte seasonal dynamics using dense time series of medium resolution satellite data”, Remote Sensing of Environment, Vol. 216, pp 230-244, doi: 10.1016/j.rse.2018.06.048

  15. Ludeno G, Catapano I, Renga A, Rodi Vetrella A, Fasano G, Soldovieri F, “Assessment of a micro-UAV system for microwave tomography radar imaging”, Remote Sensing of Environment, Vol. 212, pp 90-102, doi: 10.1016/j.rse.2018.04.040 

  16. Ranghetti L, Cardarelli E, Boschetti M, Busetto L, Fasola M, “Assessment of Water Management Changes in the Italian Rice Paddies from 2000 to 2016 Using Satellite Data: A Contribution to Agro-Ecological Studies”, Remote Sensing, Vol. 10 (3), doi: 10.3390/rs10030416

  17. De Keukelaere L, Sterckx S, Adriaensen S, Knaeps E, Reusen I, Giardino C, Bresciani M, Hunter P, Neil C, Van der Zande D, Vaiciute D, “Atmospheric correction of Landsat-8/OLI and Sentinel-2/MSI data using iCOR algorithm: validation for coastal and inland waters”, European Journal of Remote Sensing, Vol. 51 (1), pp 525-542, doi: 10.1080/22797254.2018.1457937

  18. De Novellis V, Carlino S, Castaldo R, Tramelli A, De Luca C, Pino NA, Pepe S, Convertito V, Zinno I, De Martino P, Bonano M, Giudicepietro F, Casu F, Macedonio G, Manunta M, Manzo M, Solaro G, Tizzani P, Zeni G, Lanari R, “Comment on "The 21 August 2017 M d 4.0 Casamicciola Earthquake: First Evidence of Coseismic Normal Surface Faulting at the Ischia Volcanic Island" by Nappi et al.”, Seismological Research Letters, Vol. 90 (1), pp 313-315, doi: 10.1785/0220180231

  19. Hedley JD, Roelfsema C, Brando V, Giardino C, Kutser T, Phinn S, Mumby PJ, Barrilero O, Laporte J, Koetz B, “Coral reef applications of Sentinel-2: Coverage, characteristics, bathymetry and benthic mapping with comparison to Landsat 8”, Remote Sensing of Environment, Vol. 216, pp 598-614, doi: 10.1016/j.rse.2018.07.014.

  20. Castaldo R, de Nardis R, De Novellis V, Ferrarini F, Lanari R, Lavecchia G, Pepe S, Solaro G, Tizzani P, “Coseismic Stress and Strain Field Changes Investigation Through 3-D Finite Element Modeling of DInSAR and GPS Measurements and Geological/Seismological Data: The L'Aquila (Italy) 2009 Earthquake Case Study”, Journal of Geophysical Research. Solid Earth, pp 4193 – 4222, doi: 10.1002/2017JB014453

  21. Capolongo D, Refice A, Bocchiola D, D'Addabbo A, Vouvalidis K, Soncini A, Zingaro M, Bovenga F, Stamatopoulos L, “Coupling multitemporal remote sensing with geomorphology and hydrological modeling for post flood recovery in the Strymonas dammed river basin (Greece)”, Science of The Total Environment, Vol. 651 (2), pp 1958-1968, doi: 10.1016/j.scitotenv.2018.10.114.

  22. Criscuolo L, Bordogna G, Carrara P, Pepe M, “CS Projects Involving Geoinformatics: A Survey of Implementation Approaches”, ISPRS International Journal of Geo-Information, Vol. 7 (8), doi: 10.3390/ijgi7080312.

  23. D'Addabbo A, Refice A, Lovergine FP, Pasquariello G, “DAFNE: A Matlab toolbox for Bayesian multi-source remote sensing and ancillary data fusion, with application to flood mapping”, Computers & Geosciences, Vol. 112, pp 64-75, doi: 10.1016/j.cageo.2017.12.005.

  24. Scapaticci R, Tobon J, Bellizzi G, Vipiana F, Crocco L, “Design and Numerical Characterization of a Low-Complexity Microwave Device for Brain Stroke Monitoring”, IEEE Transactions on Antennas and Propagation, Vol. 66 (12), pp 7328 – 7338, doi: 10.1109/TAP.2018.2871266.

  25. Minardo A, Catalano E, Coscetta A, Zeni G, Zhang L, Di Maio C, Vassallo R, Coviello R, Macchia G, Picarelli L, Zeni L, “Distributed fiber optic sensors for the monitoring of a tunnel crossing a landslide”, Remote Sensing, Vol. 10 (8), doi: 10.3390/rs10081291.

  26. Bartoli M, Zilius M, Bresciani M, Vaiciute D, Vybernaite-Lubiene I, Petkuviene J, Giordani G, Daunys D, Ruginis T, Benelli S, Giardino C, Bukaveckas PA, Zemlys P, Griniene E, Gasiunaite ZR, Lesutiene J, Pilkaityte R, Baziukas-Razinkovas A, “Drivers of Cyanobacterial Blooms in a Hypertrophic Lagoon”, Frontiers in Marine Science, doi: 10.3389/fmars.2018.00434. 

  27. Stroppiana D, Villa P, Sona G, Ronchetti G, Candiani G, Pepe M, Busetto L, Migliazzi M, Boschetti M, “Early season weed mapping in rice crops using multi-spectral UAV data”, International Journal of Remote Sensing, Vol. 39 (15-16), pp 5432-5452, doi: 10.1080/01431161.2018.1441569. 

  28. Mattsson MO, Zeni O, Simkó M, Scarfì MR, "Editorial: Effects of Combined EMF Exposures and Co-exposures”, Frontiers in Public Health, doi: 10.3389/fpubh.2018.00230. 

  29. Imperatore P, Iodice A, Pastorino M, Pinel N, “Electromagnetic Wave Sensing in Complex Scenarios: Scattering Models and Applications”, International Journal of Antennas and Propagation, doi: 10.1155/2018/4616571.

  30. Pilotti M, Valerio G, Giardino C, Bresciani M, Chapra SC, “Evidence from field measurements and satellite imaging of impact of Earth rotation on Lake Iseo chemistry”, Journal of Great Lakes Research, Vol. 44 (1), pp 14–25.

  31. Bresciani M, Cazzaniga I, Austoni M, Sforzi T, Buzzi F, Morabito G, Giardino C, “Mapping phytoplankton blooms in deep subalpine lakes from Sentinel-2A and Landsat-8”, Hydrobiologia, doi: 10.1007/s10750-017-3462-2.

  32. Hartwig V, Romeo S, Zeni O, “Occupational exposure to electromagnetic fields in magnetic resonance environment: basic aspects and review of exposure assessment approaches”, Medical and Biological Engineering and Computing, doi: 10.1007/s11517-017-1779-7.

  33. Bellizzi G, Bellizzi GG, Bucci OM, Crocco L, Helbig M, Ley S, Sachs J, “Optimization of the Working Conditions for Magnetic Nanoparticle-Enhanced Microwave Diagnostics of Breast Cancer”, IEEE Transactions on Biomedical Engineering, doi: 10.1109/TBME.2017.2753846.

  34. Catapano I, Ludeno G, Soldovieri F, Tosti F, Padeletti G, “Structural assessment via Ground Penetrating Radar at the Consoli Palace of Gubbio (Italy)”, Remote Sensing, Vol. 10 (1), doi:10.3390/rs10010045.

  35. Di Martino G, Iodice A, Riccio D, Ruello G, Zinno I, “The role of resolution in the estimation of fractal dimension maps from SAR data”, Remote Sensing, Vol. 10 (1), doi:10.3390/rs10010009.

 

coverNel mese di gennaio 2018 è stato pubblicato da Springer il volume “Mobile Information Systems Leveraging Volunteered Geographic Information for Earth Observation”, i cui editor sono Gloria Bordogna e Paola Carrara Ricercatrici IREA.

In esso trovano spazio tecnologie mobili all’avanguardia usate per acquisire, analizzare e gestire informazioni geografiche volontarie (VGI), delineando metodi e strumenti nuovi per superare i principali ostacoli nell’uso della VGI nell’Osservazione della Terra. Inoltre, vengono riportati casi studio di rilievo ed affrontate problematiche concrete.

Il volume comprende articoli di ricercatori IREA (“Can VGI and Mobile Apps Support Long-Term Ecological Research? A Test in Remote Areas of the Alps”, Criscuolo, Laura et al.; “VGI Imperfection in Citizen Science Projects and Its Representation and Retrieval Based on Fuzzy Ontologies and Level-Based Approximate Reasoning”, Bordogna, Gloria et al.) ed uno di Maria Brovelli, Professore associato all’IREA, et al. (“Mapping Parties at FOSS4G Europe: Fun, Outcomes and Lessons Learned”).

I contributi si suddividono in tre parti: la prima presenta casi di studio sull’implementazione della VGI per l’Osservazione della Terra, discute le caratteristiche del coinvolgimento dei volontari in relazione alla loro esperienza e motivazione, analizza i compiti loro affidati ed esamina gli strumenti per sviluppare la VGI. La seconda parte presenta al lettore i metodi base, le tecniche e gli algoritmi per lo sviluppo del mobile information systems basati su VGI per diverse funzioni nel campo dell’Osservazione della Terra. L’ultima parte si focalizza sulle limitazioni della VGI rispetto ai compiti sopracitati e propone metodi e tecniche innovative per superarle.

Il libro offre una guida di riferimento completa e orientata alla pratica per ricercatori e tecnici del settore dell’informazione geografica. 

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

ijgi-logoL'International Journal of Geo-Information (IJGI) - ISSN 2220-9964, 2016, Impact Factor 1.502 - è la rivista open access della Società Internazionale di Fotogrammetria e Telerilevamento (rappresentante per l’Italia della ISPRS - International Society for Photogrammetry and Remote Sensing) pubblicata mensilmente online da MDPILa rivista copre tutti gli aspetti della scienza dell'informazione geografica, nonché degli sviluppi in altre discipline quali il telerilevamento, la fotogrammetria, l’informatica e la geografia.

Questo numero speciale, di cui Guest Editor è Gloria Bordogna primo ricercatore dell'Irea di Milano, è dedicato all'esplorazione delle attuali esperienze e tendenze riguardanti gli approcci concettuali, metodologici e tecnologici definiti e utilizzati in progetti di “citizen science” per l'elaborazione e l'analisi di geoinformazione e gli aspetti sociali relativi alla loro applicazione.

Maggiori dettagli si trovano a questo link   

La scadenza per le sottomissioni è 31 marzo 2018

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

EO4GEOIl prossimo 16 e 17 gennaio l’Irea-Cnr ospiterà il Kick-Off meeting del progetto EO4GEO - Towards and innovative strategy for skills development and capacity building in the space geo-information sector supporting Copernicus user uptake.

EO4GEO è un progetto finanziato nell’ambito di Erasmus+ Sector Skills Alliance, che include 26 partners (e inizialmente anche 22 associated partners, che si conta di estendere in modo considerevole già dal primo anno di sviluppo delle attività), molti dei quali facenti parte della Copernicus Academy Network. I parners provengono da 16 Paesi e includono competenze di università e mondo della ricerca, settori privati e pubblici, operanti nel settore della formazione/training e nei settori spaziale, geospaziale e geomatica. Questi temi saranno di primaria importanza fin dalle prime fasi operative delle attività. Il progetto è coordinato dall’associazione privata GISIG e inizierà le sue attività il primo gennaio 2018, con una durata di 4 anni.

EO4GEO ha lo scopo di colmare il divario esistente tra la articolata e cospicua offerta derivante dal Sistema Copernicus (in passato definito GMES - Global Monitoring for Environment and Security) e la domanda di formazione e training nei settori spaziali e geospaziali rafforzando gli strumenti e le conoscenze già esistenti nel campo dell’informazione a beneficio di utilizzatori finali.

Le 2 giornate, che si terranno presso la sede del CNR di Milano - Via Alfonso Corti 12 (sala Expo) - prevedono l'incontro tra i 26 Partners del progetto e i referenti della Commissione Europea Erasmus+ per definire gli impegni e le attività che saranno svolte nei 4 anni del progetto ed in particolare nel primo anno. Saranno svolti i 10 Work Pakages, discussi e definiti dai partners coinvolti in ciascuno di essi. L'Irea-Cnr, in qualità di partner del progetto, è coordinatore nel WP6 - Developing a long-term Action Plan (Dissemination and Expoitation) - del Task 6.4 - Defining the long-term roll-out and maintenance plan.

Kick-off Meeting Agenda

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

10762Olga Zeni, ricercatrice dell'IREA-CNR, è tra gli editors dello Special Issue "THz Radiation Applied to Biophysical, Biological and Biomedical Sciences" della Rivista Journal of Infrared, Millimeter and Terahertz Waves (SI of THz Biomedical Sciences). Il numero speciale è dedicato ad una selezione dei lavori presentati al Workshop “8th International THz-Bio Workshop tenutosi a Frascati nei giorni 4-6 Ottobre 2017.

Tra i topics del Workshop si evidenziano le misure di spettroscopia su sistemi biologici, lo sviluppo di strumenti e tecnologie attivi e passivi alle frequenze dei THz, THz-Bio sensing & imaging, meccanismi di interazione e aspetti di sicurezza.

La scadenza per le sottomissioni è il 30 Gennaio 2018. 

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

emfcsc titleMaria Rosaria Scarfì, primo ricercatore dell’IREA-CNR, è stata nominata co-direttore della Scuola Internazionale di Bioelettromagnetismo “Alessandro Chiabrera”, una delle Scuole presenti presso il Centro per la Cultura Scientifica Ettore Majorana (EMFCSC) di Erice (Sicilia). Dal 2003, anno della sua istituzione, il direttore è stato Ferdinando Bersani, professore di Fisica presso l'Università di Bologna.

La Scuola propone con cadenza biennale un corso, organizzato da due co-direttori con riconosciuta esperienza sull’argomento specifico e dai co-direttori della Scuola, rivolto a giovani ricercatori e biologi, ingegneri e fisici, su differenti aspetti dell’interazione tra radiazioni non ionizzanti e sistemi biologici.

Il Centro di cultura scientifica Ettore Majorana (EMFCSC) è un'organizzazione scientifica, fondata 1962 dal fisico Antonino Zichichi, che ne è anche il presidente, e intitolato al fisico siciliano Ettore Majorana. Dall’anno della sua costituzione, nel 1962, presso l’EMFCSC oltre 120.000 scienziati – di cui molti premi Nobel - di 140 nazioni hanno preso parte ad attività post-universitarie per promuovere una scienza senza segreti e senza frontiere.

Maggiori dettagli sul Centro per la Culture Scientifica e Fondazione «Ettore Majorana» sono disponibili al seguente link

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

invito-SALVE-MATERAvrà luogo oggi, 15 dicembre, alle ore 17.00 presso la Biblioteca del Museo di San Marco di Firenze, la presentazione del volume Salve Mater sull'affresco 'Annunciazione' di Beato Angelico.

Lo studio di questa opera, realizzato in collaborazione tra il Museo di San Marco, il National Institute of Information and Communications Technology (NICT) di Tokyo e due istituti del Consiglio nazionale delle ricerche, l’Istituto di fisica applicata 'Nello Carrara' (Ifac-Cnr) e l’Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’ambiente (Irea-Cnr), ha prodotto dei risultati molto interessanti dal punto di vista sia della documentazione dell'opera sia dei materiali utilizzati dall'artista per la sua realizzazione.

Questi diversi enti ed istituti si sono avvicinati all’affresco dell’Annunciazione del Beato Angelico, dipinto nel corridoio nord dell’ex convento domenicano, ora Museo di San Marco, per procedere ad un’attenta campagna fotografica e ad analisi scientifiche mai realizzate finora su questo capolavoro. Sono state messe in campo sofisticate tecniche non invasive per l'analisi e l'acquisizione in tecnologie digitali delle immagini dell’opera d'arte, avvalendosi delle ultimissime e più aggiornate tecniche di acquisizione. Ne sono scaturiti importanti risultati e considerazioni, pubblicati grazie al NICT, che ha finanziato il volume.

Dopo i saluti delle autorità, Stefano Casciu, direttore Polo museale della Toscana e Hideyuki Tokuda, presidente del National Institute of Information and Communications Technology, gli autori presenteranno le loro ricerche.

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

FiguraLe sequenze sismiche in aree estensionali mediamente hanno una magnitudo più bassa, ma durano di più, rispetto a quelle in ambienti compressivi. A dimostrarlo, uno studio condotto da Sapienza Università di Roma, Cnr e Ingv, che spiega anche l’imponente e persistente corteo di repliche dell’Appennino, 80.000 in 15 mesi. Il lavoro è stato pubblicato su Scientific Reports.

Quanto durerà il terremoto? È una delle domande a cui i ricercatori spesso si trovano a dover far fronte all’inizio di ogni sequenza sismica. Una nuova analisi di repliche (aftershock) dei terremoti ha permesso di dimostrare che gli ambienti estensionali hanno periodi più lunghi e numero di repliche maggiori rispetto agli ambienti compressivi. Lo studio, Longer aftershocks duration in extensional tectonic settings, condotto da un team di ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), dell’Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’ambiente del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irea), e Sapienza Università di Roma, è stato pubblicato su Scientific Reports.

“La ricerca”, spiega Carlo Doglioni, presidente dell’Ingv e professore della Sapienza Università di Roma, “dimostra che nelle zone dove la terra si dilata le sequenze sismiche, nonostante abbiano magnitudo mediamente più basse rispetto agli ambienti compressivi, durano più a lungo, poiché il volume crostale si muove a favore della forza di gravità. Le sequenze quindi terminano solamente quando il volume collassato trova un suo nuovo equilibrio gravitazionale”. Viceversa, negli ambienti compressivi, il volume si deve muovere contro la forza di gravità e quindi l’energia in grado di continuare a sollevare il tetto delle faglie si esaurisce più rapidamente.

“Da un’analisi comparativa di dieci sequenze sismiche”, afferma Pietro Tizzani, ricercatore Irea- Cnr, “di cui cinque inserite in un contesto tettonico estensionale e cinque in uno compressivo, è stato possibile dimostrare che, a prescindere dalla magnitudo dell’evento sismico considerato, i terremoti estensionali durano di più rispetto a quelli che si sviluppano in un ambiente compressivo”.

Lo studio spiega perché i terremoti dell’Appennino, che sono in buona parte di tipo estensionale, sono seguiti da un corteo di repliche così imponente e persistente nel tempo. Ad esempio, sono passati 15 mesi dall’inizio della sequenza sismica di Amatrice-Norcia e vi sono state circa 80.000 repliche. Questa chiave di lettura della sismicità può avere significative applicazioni nella gestione dell’emergenza post-evento, poiché in funzione del tipo di ambiente tettonico si può avere già una stima approssimativa della durata degli aftershock. Inoltre, conferma che l’energia accumulata nei secoli che precedono la rottura cosismica è diversa a seconda dell’ambiente tettonico, cioè principalmente gravitazionale per quelli estensionali ed elastica per quelli compressivi.

“La comprensione dei diversi meccanismi e relative fenomenologie associate ai vari ambienti geodinamici”, conclude Doglioni, “può portare a una più approfondita e utile classificazione dei terremoti, passo indispensabile per arrivare a comprenderne natura ed evoluzione temporale”

 

Figura: (a) Modello geologico del possibile ciclo sismico (ossia periodi inter-sismici e cosismici), associato a una faglia normale (sequenza estensionale). (b) Modello geologico del ciclo sismico (ossia periodi inter-sismici e cosismici), associato a una faglia inversa (sequenza compressiva). In entrambi i modelli è stata assunta una velocità di deformazione costante nella crosta inferiore all’interfaccia duttile/fragile. Le sequenze tettoniche estensionali sono caratterizzate da una durata più lunga delle repliche, in quanto il sistema si muove a favore della gravità e, in questo caso, il volume di crosta interessato dalla fratturazione cosismica collassa fino a raggiungere un nuovo equilibrio gravitazionale.

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»
Pagina 6 di 28