Venerdì, 07 Giugno 2019 13:01

GTTI best poster presentation a giovane ricercatrice in formazione all’IREA

Premio GTTINell’ambito del Workshop “Radar and Remote Sensing”, promosso dal Gruppo Telecomunicazioni e Tecnologie dell’Informazione (GTTI) e tenutosi a Roma il 30 e 31 maggio 2019, l’ing. Carmen Esposito, assegnista di ricerca presso l'IREA-CNR di Napoli, ha ricevuto il premio riservato ai giovani ricercatori di età inferiore ai 35 anni per la migliore presentazione nella sessione poster.

Nella presentazione, dal titolo "Imaging capabilities of the AXIS Airborne X-band SAR System" (autori: C. Esposito, A. Natale, P. Berardino, G. Palmese, R. Lanari, S. Perna), l’ing. Esposito ha esposto i risultati delle ricerche e degli studi condotti per valutare le capacità di imaging del nuovissimo sistema civile italiano interferometrico Radar ad Apertura Sintetica (SAR) da aereo, operante in banda X. Il sistema, denominato AXISAXIS airborne, (acronimo di Airborne X-band Interferometric SAR) è stato sviluppato dalla società Elettra Microwave s.r.l. nell’ambito di un accordo di collaborazione siglato con l’IREA-CNR nel 2016 con la finalità di svolgere attività di ricerca congiunte.

I sistemi SAR possono essere montati a bordo di piattaforme aeree e satellitari. I sistemi SAR satellitari, contrariamente a quelli aviotrasportati, sono in grado di mappare vaste aree della superficie terrestre. Tuttavia, tali sistemi sono vincolati a seguire orbite rigide e scarsamente riconfigurabili e pertanto possono essere inadeguati per il monitoraggio di eventi caratterizzati da un’elevata variabilità temporale. Questo limite, può essere superato utilizzando sistemi SAR aviotrasportati, i quali garantiscono un’elevata flessibilità operativa e consentono di raggiungere migliori risoluzioni spaziali. Va evidenziato che, nel caso di sensori aviotrasportati, il processo di elaborazione dati è più complesso rispetto al caso satellitare a causa delle instabilità di volo della piattaforma. Queste instabilità, indotte dalle turbolenze atmosferiche, determinano sul dato radar registrato a bordo effetti indesiderati, detti errori di moto, che richiedono un’opportuna compensazione, sia in fase di focalizzazione sia in fase di elaborazione interferometrica del dato stesso. In tale ambito, gli autori del lavoro, afferenti all' IREA-CNR e all' Università di Napoli "Parthenope", hanno realizzato una catena di elaborazione interferometrica di dati SAR d'aereo che è stata testata con successo su dati acquisiti da differenti sensori aviotrasportati operanti a diverse frequenze, ivi compreso il sensore sviluppato da Elettra Microwave s.r.l.

Carmen Esposito si è laureata con lodenel 2012 in Ingegneria delle Telecomunicazioni presso l'Università degli Studi di Napoli "Parthenope". Nel 2015 è stata Visiting Scientist presso la Bradar Indústria S/A,in Brasile, occupandosi dell’elaborazione di dati interferometrici SAR acquisiti da diversi sistemi aviotrasportati e nel 2016 ha conseguito il dottorato di ricerca in Ingegneria dell'Informazione presso l'Università degli Studi del Sannio, discutendo una tesi dal titolo: “Advanced Airborne SAR Interferometry Techniques” . I suoi principali interessi di ricerca riguardano lo studio e lo sviluppo di tecniche avanzate di elaborazione di dati interferometrici SAR acquisiti da piattaforme aviotrasportate e, più recentemente, di calibrazione di antenne radar in camera anecoica.

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

Letto 2446 volte