Pagine istituzionali
    1) Spesso ai ricercatori viene rimproverato di vivere in un mondo separato  e governato da regole e linguaggi non sempre comprensibili alla maggior parte delle persone; le sembra che questa immagine del mondo scientifico rispecchi ciò che accade nell’Istituto di ricerca che oggi dirige? Direi proprio di no,…
Martedì, 30 Settembre 2014 13:24

L'importanza dei droni in agricoltura secondo il MIT

Scritto da
L'importanza dei droni in agricoltura secondo il MIT MIT Technology Review ha pubblicato la lista delle dieci tecnologie applicate che diventeranno le pietre miliari dell'innovazione per gli anni a venire. Fra queste spicca l'uso degli APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto), in agricoltura, anche noti come droni, e la cui denominazione è…

Presso la sede di Napoli dell’IREA sono presenti due laboratori ed un cluster per l’elaborazione di dati telerilevati.

 

Laboratorio1Il laboratorio di bioelettromagnetismo è dotato di tutta la strumentazione necessaria per esposizioni di campioni a campi elettromagnetici in bassa e alta frequenza e per la valutazione di effetti biologici correlati alla cancerogenesi genotossica e non genotossica in colture cellulari. In particolare, si dispone di:

  • - alte frequenze - generatori di segnale in onda continua e modulata (250 kHz-3 GHz), amplificatori (895-905 MHz e 1,8-2,5 GHz), analizzatore di spettro, componenti in guida d’onda (2.45 GHz), celle TEM (900-1800 MHz) e Wire Patch Cells (900 MHz), misuratori di potenza (continua, modulata, di picco, 200kHz-4GHz, 0.7mW-30W), componenti in cavo coassiale, termometro multicanale a fibra ottica;
  • - basse frequenze - generatori di funzione (0.2 Hz - 2.0 MHz), amplificatori, bobine di Helmoltz, termometro a termocoppia, Gaussmetro corredato di sonde (DC-10kHz), oscilloscopio. 
  • - Laboratorio biologico - camera sterile per colture cellulari, cappe biohazard a flusso laminare, citofluorimetro, microscopi ottici a fluorescenza con apparato fotografico e confocale, sistemi per elettroforesi 2D, fluorimetro, spettrofotometri, incubatori a CO2 per colture cellulari, sistemi di crioconservazione, centrifughe, bilance analitiche e tecniche, sonicatore.

 

Il laboratorio di sensoristica ottica attrezzato per lo sviluppo e la caratterizzazione di sensori ottici ed opto-elettronici in fibra ottica ed in guida planare.

Le principali strumentazioni del laboratorio sono di seguito elencate.

  • - Banco per la caratterizzazione di sensori ottici integrati per lo sviluppo, analisi e caratterizzazione di sensori ottici ed optofluidici, con particolare riferimento a sensori per applicazioni chimiche e biologiche. 
  • - Prototipo di rivelatore distribuito di deformazioni ad elevata risoluzione per il monitoraggio distribuito e continuo nel tempo di temperatura e deformazione.
  • - Sistema di laser micromachining per la realizzazione di sensori ottici e microfluidici per applicazioni chimiche e biologiche.
  • - Spettrofometro ad elevata sensibilità, impiegato per la caratterizzazione dei dispositivi ottici.          

 

clusterInoltre, presso la sede di Napoli è disponibile un cluster per l’elaborazione di dati telerilevati, con particolare riferimento ai dati radar ad apertura sintetica (SAR).

  • - L’hardware del cluster è costituito da 2 nodi di front end in heartbeat e 22 nodi di elaborazione a 64 bit; esso presenta un alto grado di scalabilità e di ridondanza ed è intrinsecamente resistente ai fault. Inoltre, è stato progettato e realizzato per ottimizzare le prestazioni in considerazione del particolare tipo di applicazione SAR, che prevede elevato storage ed accesso ai dati, con una capacità di memoria che ad oggi è più di 1 PByte
  • - Il software per elaborazione dei dati SAR, realizzato a partire da algoritmi sviluppati completamente presso l’IREA, consente fra l’altro la generazione di mappe e serie temporali di deformazione con importanti applicazioni nell’ambito della sicurezza e del monitoraggio ambientale.

 

fieldspecL'Unità Organizzativa di Supporto di Milano è attrezzata di un laboratorio di ottico-elettronica. Il laboratorio funge da deposito per la strumentazione scientifica a disposizione dell’istituto per le attività di Cal/Val ed è sede di misure di laboratorio su banco ottico nonchè di attività di manutenzione della strumentazione. I principali strumenti in dotazione sono i seguenti:

 

Spettroradiometri:
FieldSpec Fr Pro ASD Inc. (350-2500 nm) e accessori (fibre e ottiche subacquee e di superficie)
Spectral Evolution SM 3500 (350-2500 nm)
WISP-3 Water Insight (400-800 nm) per misure di riflettanza delle superfici acquatiche
ROX JB Hyperspectral Devices UG (400-1000 nm) per misure di radianza ed irradianza in modo autonomo e continuo
SpectraScan PR-650 Photo Research (380-780 nm)

Radiometro Exotech 100 BK (4 filtri TM)
Termoradiometro Raytek PM40 (8-14 micron)
Termocamera FLIR E40bx
Fotometro CIMEL CE 318 (rete AERONET)
Fotometro solare EKO MS-120 (368 nm, 500 nm, 675 nm, 778 nm)
Sensore di misura della PAR Licor lungo la colonna d’acqua (400-700 nm)
Ceptometro AccuPAR LP80 - Decagon Devices Inc.
Fluorimetro-turbidimetro - Scufa Turner Design Inc.
Fluorimetro per pigmenti algali (clorofilla-a, ficocianine, ficoeritrine) e CDOM - Cyclops-7 Turner Design Inc.
FATA - Fluorescence And Turbidity Analiyzer: sistema per la misura in continuo lungo transetti orizzontali di parametri di qualità dell’acqua da sonde attive (es. Scufa) geo-referenziati in automatico mediante acquisizione GPS.
Goniometro - MultiANgular Device for Radiometric Observations over Natural Surfaces (MANDRONS): goniometro per misure angolari di radianza riflessa e campionamento della BRDF
GPS: 2 palmari Trimble GeoXM, Garmin-3

Macchine fotografiche:
Nikon Coolpix 990 (con obiettivo grandangolare, teleobiettivo e fisheye)
Nikon reflex D5200 (con obiettivo fisheye Sigma 4.5 mm)
SONY cybershot DSC HX20C compatta con GPS

 

Ultima modifica il Venerdì, 23 Febbraio 2018 15:02

cercare-lavoroIn queste pagine scoprirai le opportunità per lavorare con l'IREA, e le modalità per partecipare a concorsi, presentare domande per assegni di ricerca e incarichi di collaborazione.

Ricordiamo che per accedere alle proposte di formazione e/o lavoro non solo presso l'IREA ma anche presso altri istituti di ricerca del CNR bisogna sempre far riferimento ai relativi bandi e avvisi, che sono pubblicati sul sito web dell'URP del CNR, sotto la voce Formazione e Lavoro.

Se invece vuoi fornire un servizio o prodotti all'IREA, troverai le procedure per essere inserito nell'albo dei fornitori dell'IREA e partecipare a gare d'appalto bandite dall'Istituto.

 

tutti i bandi pubblici
Ultima modifica il Venerdì, 03 Gennaio 2014 09:05
Proseguono, fino a settembre 2014, le attività di rilevamento in campo dei ricercatori e delle ricercatrici IREA coinvolti nel progetto regionale Space4Agri. Tra gli obiettivi progettuali dell'ambito di ricerca SPACE, che si riferiscono al WP2 del Progetto, è prevista la produzione di indicatori per misurare la crescita e lo sviluppo…

postazione irea3 small

Postazione IREA alla XXVI edizione di Futuro Remoto
Cosa fare
Seleziona sulla mappa il sito di interesse cliccando su uno dei pallini rossi (es. area di Napoli); puoi zoomare utilizzando la barra in alto a sinistra della mappa.
Continua a zoomare finché non vedi più pallini ma cerchi colorati.
Posiziona il puntatore al centro di un cerchio colorato e fai clic col tasto sinistro del mouse
 
Nota che:
uno zoom insoddisfacente o un clic errato all'esterno dei cerchi produrrà il seguente messaggio di avviso: "Area senza dati InSAR disponibili"
i popups devono essere sbloccati per visualizzare il grafico
per visualizzare / nascondere-i pixel colorati basta fare clic sul pulsante “maschera InSAR”
 
Cosa notare
I cerchi colorati sono rappresentativi delle velocità medie di spostamento rilevate dai satelliti. I punti verdi rappresentano le zone stabili, mentre quelli che vanno verso il rosso o verso il viola indicano le zone che si deformano.
Cliccando su ogni puntino colorato si può vedere un grafico che mostra l’andamento storico della deformazione in quella zona. Nell'area di Pozzuoli, ad esempio, è possibile visualizzare un abbassamento della zona fino a 25 cm. nel 2005 e un successivo sollevamento dovuto a una nuova fase del bradisismo.
Ultima modifica il Lunedì, 03 Giugno 2013 10:23
Venerdì, 11 Novembre 2016 09:10

L’IREA partecipa al Quiz Scienza

Scritto da
Quiz Scienza è un progetto di divulgazione della scienza sui Social di Renato Sartini, giornalista scientifico ed esperto in comunicazione della conoscenza. Il Quiz viene pubblicato su www.renatosartini.it, Twitter e Facebook in collaborazione con Enti e Istituzioni che si occupano di ricerca scientifica. Il Quiz Scienza non ha alcuna valenza statistica,…

L’Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente (IREA) ha per missione lo sviluppo di metodologie e tecnologie per l'acquisizione, l'elaborazione, la fusione e l’interpretazione di immagini e dati ottenuti da sensori di tipo elettromagnetico - operanti da satellite, aereo e in situ - e la diffusione delle informazioni estratte, finalizzate al monitoraggio dell'ambiente e del territorio, alla diagnostica non invasiva ed alla valutazione del rischio elettromagnetico. Inoltre, vengono sviluppate metodologie e tecnologie per la realizzazione di infrastrutture di dati geo-spaziali e per applicazioni biomedicali dei campi elettromagnetici.

L’Istituto ha al suo interno consolidate competenze nei settori del telerilevamento a microonde ed ottico della superficie terrestre, della diagnostica elettromagnetica, dell'informatica per la gestione ed il trattamento di dati geo-spaziali, dell'elettromagnetismo per applicazioni in ambito medico, del bioelettromagnetismo per la valutazione del rischio dell’esposizione ai campi elettromagnetici ma anche per nuove possibili applicazioni cliniche, che rendono l'IREA una realtà fortemente multi-disciplinare.

Ultima modifica il Mercoledì, 30 Gennaio 2019 19:48
«InizioPrec.1234567Succ.Fine»
Pagina 4 di 7