Paola Carrara

Paola Carrara

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

I due principali software prodotti da IREA sono GET-IT Geoinformation Enabling ToolkIT starterkit®  e EDI editor.

EDI editor è uno strumento di creazione di metadati basato su modelli che può essere facilmente personalizzato in qualsiasi formato metadati XML-based. Strumento open-source rilasciato con licenza GPL v3.0. E' stato creato nel contesto del progetto bandiera RITMARE.

GET-IT Geoinformation Enabling ToolkIT starterkit® è la suite di software open-source sviluppato da ricercatori provenienti da CNR IREA e CNR ISMAR, nel contesto del progetto RITMARE.

La suite è il primo sforzo collaborativo open source verso l'integrazione delle informazioni tradizionali geografiche con i dati osservativi. GET-IT starterkit è infatti una suite abilitante per la distribuzione di mappe, in forma vettoriale o raster, e di osservazioni derivanti da sensori. La sua realizzazione è stata possibile accoppiando GeoNode all'attuazione SOS da 52ºNorth e grazie ad alcune componenti sviluppate da zero nel contesto del progetto RITMARE, principalmente per l'indirizzamento visualizzazione dei dati e modifica dei metadati. ll software è stato rilasciato con licenza GPL v3.0.

Sono attualmente state installate 18 suite di GET-IT:

1. CNR - ISMAR Lesina (http://sk.fg.ismar.cnr.it)

2. GeoSK di test (http://geosk.ve.ismar.cnr.it)

3. CNR - ISMAR La Spezia (http://sk.sp.ismar.cnr.it)

4. Centro Previsioni Segnalazioni Maree (http://icpsm.get-it.it)

5. CNR - IREA Milano (http://skmi.irea.cnr.it)

6. CNR - ISSIA Bari (http://starkit.ba.issia.cnr.it)

7. CNR - IAMC Oristano (http://sk.oristano.iamc.cnr.it)

8. CNR - ISE Verbania (http://sk.ise.cnr.it)

9. Demo1 (http://demo1.get-it.it)

10. Demo2 (http://demo2.get-it.it)

11. CNR - ISMAR Venezia (http://vesk.ve.ismar.cnr.it)

12. OGS Trieste (http://geonodenodc.ogs.trieste.it)

13. CNR - ISMAR Ancona (http://getit.an.ismar.cnr.it)

14. Get-It per il progetto NextData (http://nextdata.get-it.it)

15. LifeWatch Italia (http://getit.lifewatch.unisalento.it)

16. ERMES (http://get-it.ermes-fp7space.eu/)

17. eLTER (http://getit.lter-europe.net)

18. LADEC PoliMi (http://ladec.get-it.it)

-    

 

 

IREA, nella propria attività di ricerca, propone e promulga l'uso di servizi web geografici per la diffusione dei dati ambientali. I geoservizi possono essere genericamente definiti come dei sistemi software progettati per supportare l'interoperabilità in una rete distribuita di elaboratori.

Ecco l'elenco dei principali geoservizi prodotti da IREA:

OGC WPS

Servizio per la distribuzione di processi Web realizzato in EnvEurope e LifeWatch

http://sp7.irea.cnr.it/tomcat/wps/

OGC WMS

Servizio per la distribuzione di mappe realizzato nell’ambito del progetto RITMARE

http://skmi.irea.cnr.it/geoserver/wms?

OGC WFS

Servizio per la distribuzione di mappe vettoriali, come punti, linee o poligoni, realizzato nell’ambito del progetto RITMARE

http://skmi.irea.cnr.it/geoserver/wfs?

OGC WCS

Servizio per la distribuzione di mappe raster (es. immagini di sensori satellitari) realizzato nell’ambito del progetto RITMARE

http://skmi.irea.cnr.it/geoserver/wcs?

OGC SOS

Servizio per la distribuzione di dati Osservativi derivanti da sensori realizzato in EnvEurope

http://sp7.irea.cnr.it/tomcat/envsos/

OGC SES

Servizio per la gestione di eventi e notifiche realizzato nell’ambito del progetto RITMARE

http://10.0.0.54:8080/ses122/ con accesso riservato

OGC CSW

Servizio di catalogo per la distribuzione dei metadati (informazioni sui dati) realizzato nell’ambito del progetto RITMARE

http://skmi.irea.cnr.it/catalogue/csw

                                                   Ide-Univers (2006-2007) è un progetto di ricerca per la realizzazione di una Infrastruttura di Dati Spaziali (SDI) che ha favorito l’accessibilità e lo ideuniversscambio di numerose informazioni territoriali prodotte da dipartimenti universitari e centri di ricerca dell’Europa mediterranea nel corso dei loro progetti.

Il progetto, coordinato dalla Secretaria de Telecomunicacions i Societat de la Informaciò (STSI) del Governo regionale della Catalogna (Spagna), è stato finanziato con il contributo della Commissione Europea, Programma Interreg III B MEDOCC.

L’infrastruttura Ide-Univers ha costituito per gli utenti una fonte di informazioni e di contatti utili e, per i ricercatori, un potente mezzo per diffondere i risultati delle proprie ricerche e condividere dati ed informazioni permettendo l’instaurarsi di collaborazioni e sinergie.

L’accesso ai dati presenti nell’infrastruttura è avvenuto attraverso uno strumento online, il geoportale, che ha dato modo agli utenti di cercare e visualizzare le informazioni territoriali presenti in archivio e organizzate in maniera tematica. L’implementazione del geoportale IDE-UNIVERS ha seguito le linee guida della Direttiva Europea INSPIRE relativa alla distribuzione dei dati geografici e all’interoperabilità sul web.

Tra i principali strumenti utilizzati dal progetto ricordiamo: un Catalog Service conforme a Open Geopsatial Consortium (OGC), che permette di effettuare ricerche sui metadati; Web Map Services (WMSs) e Web Future Services (WFSs) OGC per la pubblicazione dei dati.

 

Lifewatch rappresenta una infrastruttura virtuale e internazionale per ricercatori, gli amministrazioni pubbliche e le imprese che operano nel campo della protezione, della gestione e dell’uso sostenibile della biodiversità e degli ecosistemi.

 

lifewatch iT

 

 LifeWatch Italia realizza servizi nell’ambito della biodiversità utilizzando le potenzialità offerte dalle tecnologie informatiche e da un approccio interdisciplinare.

 

 

 

 

CommittenteUnione Europea

Prime contractor: CNR

Periodo di attività: 2012 - 2017

Responsabile IREA: Alessandro Oggioni


logoAWARErettangIl Progetto AWARE (2005-2008), coordinato da IREA (sede Milano), e’ stato condotto 
in collaborazione con esperti provenienti da università, istituti di ricerca e aziende
private di 5 paesi europei (Austria, Italia, Slovenia, Spagna, Svizzera).

Obiettivo del progetto è stato lo sviluppo di nuovi strumenti per monitorare e stimare
la disponibilità di risorsa idrica, soprattutto in quei bacini dove lo scioglimento della
neve è la componente fondamentale della portata idrica annuale, come gli ambienti alpini.

 Il cambiamento climatico ed altri fattori hanno reso la disponibilità di risorsa idrica molto
fragile e incostante, come recenti episodi hanno drammaticamente dimostrato anche in
Italia (si pensi solo alla siccità che ha caratterizzato l’estate del 2003 ed alle alluvioni del
fiume Po dello stesso anno).
AWARE ha preso le mosse da questa emergenza, per sviluppare
strumenti in grado
di fare previsioni a medio termine sulla portata di acqua e per consentire

una efficace e sostenibile gestione delle risorse idriche.

 Il progetto ha sviluppato modelli in grado di rappresentare le dinamiche di formazione e scioglimento della neve utilizzando 
in modo combinato i dati provenienti dai moderni satelliti di Osservazione della Terra e quelli ricavati dalle misurazioni
idro-meteorologiche fatte nei bacini di interesse. I modelli sono sati calibrati, validati e testati considerando bacini con
differenti condizioni geografiche (dal punto di vista di micro-clima, geologia, geomorfologia, idrografia) presenti nelle Alpi Europee.

Il progetto ha sviluppato inoltre uno strumento interattivo e disponibile online, chiamato geo-service, accessibile agli utenti  interessati (come le compagnie idroelettriche, consorzi di irrigazione, impianti idrici municipali, amministrazioni locali) e che consente loro di ottenere previsioni sulla portata idrica nel bacino di loro interesse.

 

Committente: EU – FP6 Aeronautic and Space

Prime contractor: IREA

Partners:

Politecnico di Milano

POLIMI

Italy

Swiss Federal Institute for Snow and Avalanche Research Davos

SLF/WSL

Switzerland

Technische Universität Wien, Institute for Hydraulics, Hydrology and Water Resources Management                              

TUW

Austria

University of Ljubljana

ULFGG

Slovenia

Institut Cartogràfic de Catalunya

ICC

Spain

Remote Sensing Data Engineering

RSDE

Italy

University “Jaume I”

UJI

Spain

Periodo di attività: 2005-2008

Finanziamento complessivo: € 1.292.750

Finanziamento IREA: € 390.553

Responsabili IREA:  Anna Rampini, Monica Pepe

 

eLTER

Obiettivo generale del progetto eLTER è di far avanzare i siti e le piattaforme socio ecologiche appartenenti alla rete europea di ricerca a lungo termine (LTER Europa), fornendo servizi di alta qualità ad uso multiplo. Esso consentirà l'indagine su scala europea dei principali ecosistemi e sistemi socio-ecologici, supportando il processo decisionale basato sulla conoscenza a vari livelli.

IREA è coinvolta da molti anni nell'attività della rete ecologica a lungo termine (LTER) Italiana ed Europea e ha lavorato attivamente alla realizzazione del prototipo di Infrastruttura Spaziale di Dati (SDI) di LTER Europa.

Nell’ambito del progetto eLTER, IREA si occupa della realizzazione di una suite software per la gestione dei dati dei diversi nodi che andranno a costituire l'infrastruttura ponendo l'accento su: 1. Integrazione di strutture già esistenti e 2. Utilizzo di standard per la distribuzione e archiviazione dei dati (es. Open Geospatial Consortium - OGC).

Qui il link al viewer (visualizzatore di geodati) realizzato da IREA per le osservazioni raccolte dai volontari partecipanti alle iniziative di citizen science collegate alla rete LTER-Italy

Committente: Unione Europea – H2020

Prime contractorCNR - Istituto di biologia agro-ambientale e forestale (IBAF)

Periodo di attività: 2015 - 2019

Finanziamento IREA: € 90.000

Responsabile IREA: Alessandro Oggioni

 

logo ODIPIl progetto si propone di proseguire ed estendere le attività di successo della piattaformaInteroperabilità dei dati oceanici (ODIP) che è stato avviato nell'ambito del progetto FP7 ODIP a partire da ottobre 2012.

Gli obiettivi di ODIP2 sono: 1. Fornire un coordinamento piattaforma per facilitare l'interoperabilità e la gestione integrata dei dati marini tra le infrastrutture UE, USA e Australia per ottenere un portale globale; 2. sviluppare approcci comuni per i componenti di gestione dei dati marini: quali vocabolari, formati, Quality Assurance (QA), Quality Control (QC), Sensore Web Enablement (SWE), e servizi per la scoperta dei dati, l'accesso, l'autenticazione, la mappatura, la visualizzazione, ingestione; 3. estendere il campo delle applicazione delle attività in corso per includere ulteriori domini ODIP dati, come la biologia marina e batimetria, e nuove sfide tecnologiche emergenti.

IREA Sede di Milano è coinvolta specificatamente nel prototipo 3 di ODIP il cui principale obbiettivo è la creazione di un Sensor Observation Service (SOS) prototype che possa essere utilizzato come approccio comune all'accesso, alla visualizzazione e all'ingestione di dati.

Commitente: Unione Europea, H2020

Prime contractor: Natural Environment Research Council (NERC-UK)

Periodo attività: 2015-2018

Responsabile IREA: Alessandro Oggioni

Finanziamento IREA: € 220.000

 

LogoCareGIl progetto CARE-G ha l'obiettivo di realizzare una piattaforma di servizi per la cura della salute e la qualità della vita dell’anziano che si basi su una infrastruttura di dati e applicazioni : a) a basso costo, b) a larga diffusione e trasferibilità, c) che aiuti il cittadino anziano, ed eventualmente chi se ne prende cura, ad adottare comportamenti proattivi rispetto ai propri problemi socio-sanitari e ad assumere atteggiamenti che portino ad avere uno stile di vita tale da limitare il bisogno dell’intervento socio-sanitario pubblico o privato. Ciò sarà possibile attraverso l'impiego di una infrastruttura dotata di programmi di informazione relativi ad uno stile di vita opportuno per l’anziano, sistemi di raccolta e gestione di dati socio-sanitari e ambientali del singolo anziano, comprendente rilevatori indossabili ad personam per la raccolta di parametri clinico-fisici, quaderni digitali di salute per l’annotazione di parametri neuro cognitivi/comportamentali e di risposta ad esercizi fisici programmati, sistemi di analisi del rischio clinico personalizzati,che includono sistemi di gestione di piani di cura clinici e di programmi di stile di vita. Tali dati verranno integrati, interpretati e collocati sul territorio Lombardo al fine di mappare il contesto socio-sanitario ed ambientale della comunità anziana; in tal modo si potranno avere le basi conoscitive tali da indirizzare le scelte verso la realizzazione di strutture architettoniche più idonee al contesto socio-sanitario ed urbano della comunità anziana.

 
Committente: Regione Lombardia - CNR  (BURL n.18 del 3-5-2013 nell'ambito dell'Accordo Quadro di collaborazione tra Regione Lombardia e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) sottoscritto il 16 luglio 2012, Delibera di Giunta Regionale n. 3728 dell'11 luglio 2012)

Prime contractor: IBFM-CNR

Periodo di attività: 2013-2015

Finanziamento IREA: €  62.538 

Responsabile IREA: Anna Rampini

Attività:

 

Long-term ecological research (LTER) studies aim at detecting environmental changes and analysing related drivers. In Europe this research is performed in about 450 sites and platforms joined in the network LTER-Europe. Within the network, sharing data on various types of ecosystems and at a broad geographical scale is still an issue; managing data resulting from long-term observations is an important task not only for LTER sites but also at network level. Due to the fragmented nature of LTER Europe - and also on the global scale - information management practices have to face several challenges, e.g. distributed data sources; heterogeneous data models; particular data management routines as well as the complex domain of ecosystem monitoring with regard to the resulting data.

The Life+ EnvEurope project (2010-2013) faced this challenge and improved the situation described above using the data from the distributed network of LTER-Europe sites. A project product, i.e. the EnvEurope Drupal Ecological Information Management System (DEIMS) for metadata management and data sharing within the Long-Term Ecological Research (LTER) domain, allows discovery, evaluation and access to data of LTER sites. The development was based on the works carried on by US LTER.

As an output from the EnvEurope Action 1 working group, DEIMS provides the following main components:
1) Metadata editor: web accessible forms to enter and manage metadata of three information resource types - datasets, persons and research sites (see figure 1)
2) Discovery client: provides several ways to search for datasets, persons and research sites based on patterns ranging from simple full text search, glossary browsing to guided faceted search (see figure 2)
3) Geo-Viewer: a map client, which can be used to display boundaries and centroids of the LTER sites; each site layer is linked to both Metadata editor and Discovery client (see figure 3); moreover a graphical representation of the data collected in the site and published through an SOS service is visible in Geo-Viewer (see figure 4)

Metadata collected by LTER-Europe researchers using the DEIMS can be shared in the following ways:

  • Metadata records encoded in the Ecological Metadata Language (EML) are periodically collected and produce a data catalogue, which can be used by international or European initiatives (e.g. DataOne network, GBIF) and projects (e.g. LifeWatch)
  • Metadata are harvested into a GeoNetwork catalogue, providing a catalogue service for web (OGC-CSW) to be used by remote SDI catalogues, e.g. INSPIRE Geoportal

The final version of DEIMS is a pilot implementation for the information system of LTER-Europe, which should establish a common information management framework within the European ecosystem research domain and provide valuable environmental information to other European initiatives such as SEIS, Copernicus and the INSPIRE Directive.

Tools and approaches developed and tested in this application are going to be reused in new projects such as Data-LTER-Mountain (NextData), RITMARE SP7 and LifeWatch

 

Figure 1: DEIMS metadata editor for dataset web interface

deims editor

Figure 2: Full-text searching interface for datasets

full text search

Figure 3: LTER site location in Geo-Viewer and connections to metadata

lter site in geoviewer

Figure 4: graphical representation of the data collected in the site in Geo-Viewer

graphical representation geoviewer

 

 

Il progetto Data-LTER-Mountain svilupperà un sistema distribuito di archivi e di servizi di accesso ai dati e ai metadati raccolti nei siti montani della rete LTER-Italia. L’IREA è chiamata a definire gli standard per descrivere adeguatamente e armonizzare i dati ecologici e relativi metadati, sviluppando sia il sistema di archiviazione per i dati raccolti nei siti LTER di montagna sia i servizi di accesso a questi stessi, mettendoli in collegamento con gli archivi di NextData.

 
Committente: NextData, progetto di interesse del MIUR.

Prime contractor: CNR - Istituto di Biologia Agroambientale e Forestale (IBAF)

Periodo di attività: 2014-2015

Finanziamento IREA: € 108,325

Responsabile IREA:  Paola CarraraAlessandro Oggioni

 

Riferimenti: "Data-LTER-Mountain: Harmonisation and standards for existing and newly collected Data and MetaData on LTER sites in Italian Mountain ecosystems"del Progetto di interesse NextData del MIUR


Project description

The project Data-LTER-Mountain will develop a distributed systems of archives and access services to data and metadata collected in Italian Long Term Ecological Research (LTER) sites located in mountain ecosystems. Archives and services will be developed starting from the experience of EnvEurope project and will be harmonised to national and international approaches, in connection to NextData tools.

Sites are from high elevation grasslands and nival ecosystems, mountain forests, mountain lakes, from Apennines and Alps. All sites are included in the LTER-Italy network.

The project will: i) contribute to the definitions of standards and models for biological and ecological data and metadata in mountain sites; ii) provide mountain LTER sites of their own data and metadata systems, according to defined standards and models; iii) entry metadata and data in the system, using already available data and data collected in new campaigns; iv) act to make available services for the larger LTER communities at national and international level.

Main goals of the project

  1. Evaluation of the existing data standards to publish and make available data and metadata, integration with existing systems adopted and shared by other national/international communities
  2. Contribution to the definitions of standards and models for biological and ecological data and metadata collected in mountain sites
  3. Provide mountain LTER sites of their own data and metadata systems, according to defined standards and models, in connection to NextData tools, so that each site can contribute to a wider archive of metadata useful to browse ecological and biological data.
  4. Entry of metadata and data in the system, using already available data and with data collected during new measurements campaigns with particular attention to ecosystem processes and functional properties.
  5. Outreach actions of data and metadata standards and models for the bio-ecological realm to be made available for the larger LTER communities, beyond mountain sites, at national and international level

Units and tasks in the project:

Unit 1 – CNR - IBAF
Contact to LTER–Italia; Coordinator of LTER Site "Forests of the Apennines"; Link to Corpo Forestale dello Stato; grant holder contract for organisation, provision and collection of data on terrestrial sites (in cooperation with the other two grant-holders at CNR-ISE and CNR-IREA) and providing support to all Units.

Unit 2 – CNR - IREA
Defining standards/models to suitably describe and harmonize bio-ecological data and metadata; developing the system of mountain LTER sites' archives and access services to the results of research in mountainous ecosystems, in connection with the archives of NextData; grant holder contract for data standards and information management tools (in cooperation with the other two grant-holders at CNR-IBAF and CNR-ISE) and providing support to all Units.

Unit 3 – CNR - ISE
Coordinator of two research sites within the parent site IT09 "Mountain lakes"; grant holder contract for organisation, provision and collection of data on high mountain freshwater sites (in cooperation with the other two grant-holders at CNR-IBAF and CNR-IREA) and providing support to all Units.

Unit 4 – UniTO
Coordinator of LTER Site "North-Western Italian Alps"; organization, provision and collection of data on high mountain sites, in collaboration with the Regional Environmental Agency of the Aosta Valley (supported from and in cooperation with grant-holders at CNR-ISE and CNR-IREA), specific expertise on soil and snow data.

Unit 5 – UniMol
Coordinator of LTER Site "High-Elevation Apennines"; organisation, provision and collection of data on high elevation sites in the Apennines, (supported from and in cooperation with grant-holders at CNR-IBAF and CNR-IREA), specific expertise on plant diversity data, dendroecological analysis, wood anatomy and land-cover changes

Unit 6 - UniPar
Coordinator of LTER Site "Mountain lakes"; organisation, provision and collection of data on high elevation sites in the Apennines, (supported from and in cooperation with the grant-holders at CNR-ISE and CNR-IBAF), specific expertise on lake diversity data

«InizioPrec.12Succ.Fine»
Pagina 1 di 2