Maria Consiglia Rasulo

Maria Consiglia Rasulo

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

images

Comunicato Stampa CNR 22/2014, 10 aprile 2014
 
Posa della prima pietra del ‘Polo tecnologico’ Cnr
Comunicato stampa Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche Campania - Molise e Consiglio Nazionale delle Ricerche, 2 luglio 2012

Le tecnologie satellitari per l'innovazione: a Milano ne hanno discusso insieme amministratori, mondo della ricerca, e PMI lombarde
Comunicato stampa IREA - CNR, 31 gennaio 2012

Opportunità innovative e di mercato offerte dal telerilevamento: a Milano un evento regionale organizzato da IREA-CNR
Comunicato stampa IREA - CNR, 26 gennaio 2012

Comunicato stampa ItaliaCamp, 21 novembre 2011

Presentati oggi a Reggio Calabria i progetti di ricerca per l'innovazione e lo sviluppo nel Mezzogiorno coordinati dal Consiglio nazionale delle ricerche e finanziati dalla Legge di stabilità 2010 con circa 50 milioni di euro in tre anni. Riguardano efficienza energetica, fonti rinnovabili, geotermia, pesca sostenibile, ‘Made in Italy’ agroalimentare e farmaci innovativi.

Comunicato stampa Ufficio Stampa CNR 69/2011, 4 febbraio 2011

Come “scivola” il fianco orientale dell’Etna? 

Nuovi dati forniti da uno studio multidisciplinare realizzato congiuntamente dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Università Roma Tre. Il vulcano è interessato da movimenti lenti e continui che investono porzioni significative

Comunicato stampa Ufficio Stampa CNR 69/2010, 16 settembre 2010

Spazio: Italiane prime mappe da satelliti su rischio sismico. Cosmo-Skymed ha individuato faglia terremoto L'Aquila 

Saranno italiane le prime mappe del rischio sismico ottenute sulla base delle osservazioni fatte dai satelliti.

Comunicato ANSA, 30 giugno 2010

CNR Napoli, mappa deformazione terreno con radar satellite 

Una mappa di deformazione del terreno in seguito a un evento sismico, fornendo tempestivamente informazioni utili alla Protezione Civile. E' quanto ha realizzato l'Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell'ambiente (Irea-Cnr) di Napoli monitorando attraverso un radar montato su satellite lo sciame sismico che ha interessato, a partire dallo scorso 2 aprile, il medio versante nord-orientale dell'Etna.

Comunicato AGI, 12 aprile 2010

Roghi sotto controllo con spie satellitari. Con telerilevamento sotto controllo milioni ettari di territorio 

Ogni anno gli incendi colpiscono a livello mondiale circa 350 milioni di ettari di territorio, con danni a proprietà e mezzi di sostentamento, senza tralasciare che gli incendi boschivi contribuiscono al riscaldamento globale, all'inquinamento, alla desertificazione ed alla perdita di bio-diversità. Il controllo degli incendi risulta, quindi, un fattore cruciale per la nostra salute e la salvaguardia ambientale e, in tal senso, il telerilevamento da satellite offre nuove opportunità per la gestione di questo tipo di emergenza.

Comunicato Apcom, 1 settembre 2009

 

L’Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente (IREA) ha per missione lo sviluppo di metodologie e tecnologie per l'acquisizione, l'elaborazione, la fusione e l’interpretazione di immagini e dati ottenuti da sensori di tipo elettromagnetico - operanti da satellite, aereo e in situ - e la diffusione delle informazioni estratte, finalizzate al monitoraggio dell'ambiente e del territorio, alla diagnostica non invasiva ed alla valutazione del rischio elettromagnetico. Inoltre, vengono sviluppate metodologie e tecnologie per la realizzazione di infrastrutture di dati geo-spaziali e per applicazioni biomedicali dei campi elettromagnetici.

L’Istituto ha al suo interno consolidate competenze nei settori del telerilevamento a microonde ed ottico della superficie terrestre, della diagnostica elettromagnetica, dell'informatica per la gestione ed il trattamento di dati geo-spaziali, dell'elettromagnetismo per applicazioni in ambito medico, del bioelettromagnetismo per la valutazione del rischio dell’esposizione ai campi elettromagnetici ma anche per nuove possibili applicazioni cliniche, che rendono l'IREA una realtà fortemente multi-disciplinare.

clusterIl cluster dedicato all’elaborazione di dati Radar ad Apertura Sintetica (SAR) è stato progettato e realizzato presso l’IREA con l’obiettivo di ottimizzare le prestazioni in funzione del particolare tipo di applicazione. L’elaborazione dei dati radar, infatti, richiede l’utilizzo un notevole spazio su disco ed un numero elevato di operazioni di accesso ai dati. Il sistema presenta un alto grado di scalabilità e di ridondanza ed è, pertanto, intrinsecamente resistente ai fault, cioè alla parziale rottura di suoi componenti.

L’architettura è composta da 2 nodi di front end in heartbeat e 22 nodi di elaborazione a 64 bit basati su doppio processore intel Xeon ad otto core, per un totale di 352 unità hyperthreading di elaborazione (core) e 8448 GB di memoria RAM. Ogni nodo di elaborazione, su cui è installato la versione a 64 bit del sistema operativo Linux, è equipaggiata con un’unità dischi in modalità Direct Attached Storage (DAS) ed in configurazione RAID 5. Lo spazio su disco complessivamente disponibile, anche mediante l'uso di un parallel file system, è di più di 1 PByte.

Internazionali

 

AMISS - Active and Passive Microwaves for Security and Subsurface imaging, FP7 Marie Curie Actions People, 2011-2014

 

EULAKES-European Lakes Under Environmental Stressors, EU Central Europe Programme, 2010-2012

CyanIsWas- CYanobacteria AssessmeNt in Italian and Swedish WAters from Space, Bilateral agreement Italy-Sweden, MIUR, 2010-2011

 

Clean-Sky FOSAS, FP7 Collaborative Project, 2010

ISTIMES - Integrated System for Transport Infrastructures surveillance and Monitoring by Electromagnetic Sensing, FP7 Collaborative Project, 2009-2012

LakeWatch-Lake WATer CHaracterisation with optical remote sensing, AO ISRO-ASI, 2009-2011

 

GEOLAND2 - Towards an operational GMES Land Monitoring Core Service, EC FP7 Collaborative Project, 2008-2012

IMAGINE - Inversion, Modelling and Analysis of GPR in Near-surface Environments, EP/E004032/1, 2007-2010

Development of a Framework for Data Harmonisation and Service Integration, CEE / FRAUNHOFER-GESELLSCHAFT, 2006-2010

 

MELINOS-Monitoring European Lakes by means of an Integrated Earth Observation System, ESA-AO ID553, 2003 - in corso

 

DORIS, FP7 European Downstream Service

 

 

 

Nazionali

 

CLAM PHYM - Coasts and Lake Assessment and Monitoring by PRISMA HYperspectral Mission, ASI, 2011-2014

 

Sviluppo di metodologie per l’estrazione e l’integrazione delle informazioni diagnostiche finalizzate a definire percorsi clinici terapeutici personalizzati in patologie ad elevato impatto sociale, MEdical Research in ITaly - MERIT 2008, 2011-2014

 

QUEBEC - Quantitative Evaluation of Belaym Contaminated Soils, ENI, 2010-2012

 

Detection and mapping submerged vegetation in coastal zones, ISPRA-Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, 2010-2011

Geosat, ENI, 2009-2012

 

Analisi delle funzioni ecosistemiche e delle caratteristiche ecologiche degli ambiti perifluviali, Provincia di Mantova, 2009-2010

 

CARE-Change Analysis of River and wetland Ecological functionality, Provincia di Mantova, 2009-2010

MORFEO - MOnitoraggio e Rischio da Frane con dati EO, Carlo Gavazzi Space, 2008-2011

RESTO-REmote Sensing for Trasimeno lake Observatory, Environmental Protection Agency of Umbria Region, 2008-2010

 

Sviluppo e caratterizzazione di un microcitofluorimetro integrato (MCFI) per analisi in situ, Regione Campania, 2008-2010

 

Effetti dei campi elettromagnetici su cellule neurali, MIUR, 2008-2010

Analisi e sviluppo di tecniche innovative per la diagnostica a microonde del tumore al seno basate sulla rilevazione di anomalie magnetiche artificiali indotte mediante nano particelle, MIUR, 2008-2010

 

SIGRIS - Sistema di osservazione spaziale per la Gestione del Rischio Sismico, ACS  Advanced Computer Systems - Roma, 2008-2010

Intesa Operativa tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Protezione Civile e l’Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente IREA: Sviluppo metodologie per l'elaborazione e l'analisi di dati telerilevati finalizzati alla valutazione delle deformazioni superficiali connesse a frane, subsidenza e altri dissesti, Dipartimento Protezione Civile, 2007-2012

 

Monitoraggio dei canneti del basso Garda, Province di Brescia e Verona, 2007-2011

Convenzione Canneti, CRA e Stazione Sperimentale E.Z. Sirmione, 2007- in corso

LIMES - Land and Sea Integrated Monitoring for European Security, Telespazio, 2006-2010

 

S4A - Space for Agri

Sviluppo di Metodologie Aerospaziali Innovative di Osservazione della Terra a Supporto del Settore Agricolo in Lombardia, finanziato da Regione Lombardia nell’ambito dall’Accordo Quadro Regione LombardiaCNR. 

SRV - Sistema Rischio Vulcanico

Monitoraggio e Rischio da Frana mediante dati EO

 

MORFEO è un progetto pilota finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana con lo scopo di sviluppare un prodotto applicativo di “Protezione Civile dalle Frane” che sfrutti dati e tecnologie “EO”, integrandole con quelle “non-EO”. MORFEO fornisce prodotti che supportino la Protezione Civile nelle decisioni relative al rischio da frana integrando nelle metodologie tradizionali l’utilizzo di tecnologie e dati di Osservazione della Terra.

Gli obiettivi principali sono:

  • Sviluppare un sistema prototipale a supporto delle decisioni di protezione civile dalle frane Integrare informazioni, dati e tecnologie di osservazione della Terra con tecnologie tradizionali e dati raccolti al suolo per migliorare le attuali capacità di mappare, monitorare e prevedere le frane.
  • Sperimentare l’utilizzo di dati di osservazione della Terra innovativi, come quelli messi a disposizione dalla costellazione di COSMO-Skymed.

L’IREA si è occupata dell’elaborazione dei dati SAR per applicazioni d’interferometria differenziale per la generazione di mappe e serie storiche di deformazione utilizzate all’interno del sistema prototipale sviluppato nel progetto MORFEO. Inoltre, l'attività si è incentrata sull’interpretazione di immagini satellitari ottiche per la valutazione della suscettibilità alle frane.

Il progetto è svolto in collaborazione con la Carlo Gavazzi Space SpA (prime), il CNR- IRPI , l’Università degli Studi  Di Trento - Facoltà di Ingegneria Idrologia Fisica, l’Università Federico II di Napoli - Dipartimento di Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni, l’Università di Bologna - Dipartimento di Scienze della Terra e Geologico-Ambientali, il Politecnico di Milano - Polo Regionale di Como, il Politecnico di Bari - Dipartimento Interateneo di Fisica M. Merlin, l’Università degli Studi di Milano Bicocca - Dipartimento di Scienze Geologiche, la Merlino Technology s.r.l., il CNR- IMAA Istituto di Metodologie per l’analisi Ambientale – Potenza, il CNR- IFAC Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara” - Sede di Firenze, la GAP s.r.l., il CNR - ISSIA Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l'Automazione - Sede di Bari e la Planetek s.r.l..

http://www.morfeoproject.it/

Committente: Agenzia Spaziale Italiana

Prime contractor: CGS

Periodo di attività: 2008 - 2012

 

Responsabile IREA:

Michele Manunta

Personale coinvolto:

Gianfranco Fornaro, Giovanni Zeni, Diego Reale

webgisMediante una interfaccia basata sulla tecnologia di GoogleMaps, tutti possono consultare, in maniera semplice ed intuitiva, le misure della deformazione del suolo ottenute utilizzando i dati satellitari.

Nelle mappe di deformazione i punti verdi rappresentano le zone stabili, mentre quelli che vanno verso il rosso o verso il viola indicano le zone che si deformano. Cliccando su ogni puntino colorato, si può vedere un grafico che mostra l’andamento della deformazione nel tempo (ricorda di sbloccare i popups!)

Segui questo link per vedere i risultati di alcune zone di cui abbiamo elaborato i dati: http://webgis.irea.cnr.it

  Attivi

 DottorandoTutor IREAAnni
Algoritmi per dati ottici di ultima generazione per la stima di parametri bio-geofisici Ilaria Cazzaniga Claudia Giardino 2015-2018
Telerilevamento radar da aereo Giuseppe Jackson Stefano Perna 2014-2016
Sviluppo di codici di elaborazione di dati Envisat Simona Verde Gianfranco Fornaro 2012-2014
Telerilevamento ottico a supporto dei Sistemi di Produzione del Riso
Giacinto Manfron M. Boschetti 2014-2016

 

Svolti

DottorandoTutor IREAAnni
Integration of Optical and Radar Satellite Data for Natural Resources Monitoring Ramin Azar P.A. Brivio  2013-2015
Sviluppo di codici avanzati per l'analisi di dati SAR interferometrici con particolare riguardo agli algoritmi di srotolamento della fase Yang Yang Antonio Pepe 2010-2013
Sviluppo di tecniche di interferometria SAR da piattaforma aerea e satellitare Virginia Zamparelli Gianfranco Fornaro 2011-2013
Sviluppo di strategie per la diagnostica a microonde del tumore al seno Rosa Scapaticci Lorenzo Crocco 2010-2013
Analisi e sviluppo di metodologie innovative di inverse scattering Loreto Di Donato Lorenzo Crocco 2009-2012
Vulnerabilità ambientale e risposta ai cambiamenti climatici: applicazioni di geomatica e modellistica per lo studio delle risorse naturali e foraggere nel Sahel Francesco  Nutini M. Boschetti 2011-2014
Caratterizzazione ecologica dei cianobatteri in acque interne con tecniche in situ e da telerilevamento Mariano Bresciani C. Giardino 2010-2013
Sviluppo e caratterizzazione di sensori ottici in fibra Roberto Gravina Romeo Bernini 2009-2011
High voltage, nanosecond electric pulses for bioelectrics. Pulse generators and exposure systems set up Stefania Romeo Luigi Zeni
M.R. Scarfì
2008-2011
Valutazione dell'induzione di risposta adattativa a mutageni in colture cellulari di mammifero in seguito ad esposizioni a campi elettromagnetici non ionizzanti Anna Sannino M.A. Belisario
M.R. Scarfì
2008-2012

L’analisi dei dati relativi ai finanziamenti e alla produzione scientifica dell’IREA nel quadriennio 2015-2018 mostra sia una significativa capacità di reperimento di risorse finanziarie esterne, derivanti dalla partecipazione a progetti di ricerca europei e nazionali, dalla cooperazione con il mondo industriale e da altre analoghe "fonti esterne", sia una elevata produzione scientifica dell’IREA, caratterizzata da pubblicazioni sulle più prestigiose riviste nei settori di riferimento. 

Tali dati dimostrano le notevoli capacità di autofinanziamento e di produzione scientifica dell'Istituto che si confermano nel tempo, come evidenziato dalle due tabelle di seguito riportate che sono relative all'evoluzione dei finanziamenti e delle pubblicazioni nel periodo 2015-2018. 

bilancio 2015-2018

Emerge un quadro certamente positivo per quanto riguarda il funzionamento ed il clima dell'Istituto, la capacità di valorizzare la sua specifica multi-disciplinarietà e di interagire con la realtà scientifica e socio-economica, la motivazione e produttività dei ricercatori.

L’IREA è pienamente inserito nel contesto della ricerca nazionale ed internazionale, con forti collaborazioni con molte Università e Centri di Ricerca sia nazionali che esteri, nonché con Aziende e Istituzioni locali, soprattutto in Campania, Lombardia e Puglia, in un quadro di forte integrazione con la realtà economica ed istituzionale del paese.

Ampio e prestigioso è l’insieme dei soggetti committenti delle attività di ricerca e sviluppo realizzate dall’Istituto, fra i quali ci sono la Commissione Europea, l’Agenzia Spaziale Europea, l’Agenzia Spaziale Italiana, il Dipartimento della Protezione Civile, Regioni e Amministrazioni Locali, varie imprese nazionali ed estere. L’IREA è centro di competenza per il Dipartimento della Protezione Civile (DPC) per il monitoraggio satellitare delle deformazioni del suolo, partecipa al Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT) e al Centro Interuniversitario sulle Interazioni tra Campi ElettroMagnetici e Biosistemi (ICEMB). Sempre in ambito nazionale, l’Istituto fa parte della piattaforma SPIN-IT, la piattaforma Tecnologica Nazionale dedicata allo Spazio, e partecipa alle attività della piattaforma Tecnologica Nazionale della Sicurezza SERIT (SEcurity Research in ITaly). Infine, l’Istituto ha contribuito attivamente alle attività del Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio (CTNA).

L’IREA è anche molto ben radicato sul territorio dove partecipa al Centro di competenza della Regione Campania sull’ICT (CeRICT) ed al Distretto ad Alta Tecnologia per i Beni Culturali (Databenc); in Lombardia partecipa alle attività del Distretto Aerospaziale Lombardo (DAL), del cluster regionale Tecnologie per le Smart Communities e fornisce supporto tecnico-scientifico alla Regione nell’ambito del Network of European Regions Using Space Technologies (NEREUS), piattaforma europea portavoce delle strategie regionali sulle tematiche spaziali.

«InizioPrec.212223242526272829Succ.Fine»
Pagina 28 di 29