Maria Consiglia Rasulo

Maria Consiglia Rasulo

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Monitoraggio e Rischio da Frana mediante dati EO

 

MORFEO è un progetto pilota finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana con lo scopo di sviluppare un prodotto applicativo di “Protezione Civile dalle Frane” che sfrutti dati e tecnologie “EO”, integrandole con quelle “non-EO”. MORFEO fornisce prodotti che supportino la Protezione Civile nelle decisioni relative al rischio da frana integrando nelle metodologie tradizionali l’utilizzo di tecnologie e dati di Osservazione della Terra.

Gli obiettivi principali sono:

  • Sviluppare un sistema prototipale a supporto delle decisioni di protezione civile dalle frane Integrare informazioni, dati e tecnologie di osservazione della Terra con tecnologie tradizionali e dati raccolti al suolo per migliorare le attuali capacità di mappare, monitorare e prevedere le frane.
  • Sperimentare l’utilizzo di dati di osservazione della Terra innovativi, come quelli messi a disposizione dalla costellazione di COSMO-Skymed.

L’IREA si è occupata dell’elaborazione dei dati SAR per applicazioni d’interferometria differenziale per la generazione di mappe e serie storiche di deformazione utilizzate all’interno del sistema prototipale sviluppato nel progetto MORFEO. Inoltre, l'attività si è incentrata sull’interpretazione di immagini satellitari ottiche per la valutazione della suscettibilità alle frane.

Il progetto è svolto in collaborazione con la Carlo Gavazzi Space SpA (prime), il CNR- IRPI , l’Università degli Studi  Di Trento - Facoltà di Ingegneria Idrologia Fisica, l’Università Federico II di Napoli - Dipartimento di Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni, l’Università di Bologna - Dipartimento di Scienze della Terra e Geologico-Ambientali, il Politecnico di Milano - Polo Regionale di Como, il Politecnico di Bari - Dipartimento Interateneo di Fisica M. Merlin, l’Università degli Studi di Milano Bicocca - Dipartimento di Scienze Geologiche, la Merlino Technology s.r.l., il CNR- IMAA Istituto di Metodologie per l’analisi Ambientale – Potenza, il CNR- IFAC Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara” - Sede di Firenze, la GAP s.r.l., il CNR - ISSIA Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l'Automazione - Sede di Bari e la Planetek s.r.l..

http://www.morfeoproject.it/

Committente: Agenzia Spaziale Italiana

Prime contractor: CGS

Periodo di attività: 2008 - 2012

 

Responsabile IREA:

Michele Manunta

Personale coinvolto:

Gianfranco Fornaro, Giovanni Zeni, Diego Reale

webgisMediante una interfaccia basata sulla tecnologia di GoogleMaps, tutti possono consultare, in maniera semplice ed intuitiva, le misure della deformazione del suolo ottenute utilizzando i dati satellitari.

Nelle mappe di deformazione i punti verdi rappresentano le zone stabili, mentre quelli che vanno verso il rosso o verso il viola indicano le zone che si deformano. Cliccando su ogni puntino colorato, si può vedere un grafico che mostra l’andamento della deformazione nel tempo (ricorda di sbloccare i popups!)

Segui questo link per vedere i risultati di alcune zone di cui abbiamo elaborato i dati: http://webgis.irea.cnr.it

  Attivi

 DottorandoTutor IREAAnni
Algoritmi per dati ottici di ultima generazione per la stima di parametri bio-geofisici Ilaria Cazzaniga Claudia Giardino 2015-2018
Telerilevamento radar da aereo Giuseppe Jackson Stefano Perna 2014-2016
Sviluppo di codici di elaborazione di dati Envisat Simona Verde Gianfranco Fornaro 2012-2014
Telerilevamento ottico a supporto dei Sistemi di Produzione del Riso
Giacinto Manfron M. Boschetti 2014-2016

 

Svolti

DottorandoTutor IREAAnni
Integration of Optical and Radar Satellite Data for Natural Resources Monitoring Ramin Azar P.A. Brivio  2013-2015
Sviluppo di codici avanzati per l'analisi di dati SAR interferometrici con particolare riguardo agli algoritmi di srotolamento della fase Yang Yang Antonio Pepe 2010-2013
Sviluppo di tecniche di interferometria SAR da piattaforma aerea e satellitare Virginia Zamparelli Gianfranco Fornaro 2011-2013
Sviluppo di strategie per la diagnostica a microonde del tumore al seno Rosa Scapaticci Lorenzo Crocco 2010-2013
Analisi e sviluppo di metodologie innovative di inverse scattering Loreto Di Donato Lorenzo Crocco 2009-2012
Vulnerabilità ambientale e risposta ai cambiamenti climatici: applicazioni di geomatica e modellistica per lo studio delle risorse naturali e foraggere nel Sahel Francesco  Nutini M. Boschetti 2011-2014
Caratterizzazione ecologica dei cianobatteri in acque interne con tecniche in situ e da telerilevamento Mariano Bresciani C. Giardino 2010-2013
Sviluppo e caratterizzazione di sensori ottici in fibra Roberto Gravina Romeo Bernini 2009-2011
High voltage, nanosecond electric pulses for bioelectrics. Pulse generators and exposure systems set up Stefania Romeo Luigi Zeni
M.R. Scarfì
2008-2011
Valutazione dell'induzione di risposta adattativa a mutageni in colture cellulari di mammifero in seguito ad esposizioni a campi elettromagnetici non ionizzanti Anna Sannino M.A. Belisario
M.R. Scarfì
2008-2012

L’analisi dei dati relativi ai finanziamenti e alla produzione scientifica dell’IREA nel quadriennio 2015-2018 mostra sia una significativa capacità di reperimento di risorse finanziarie esterne, derivanti dalla partecipazione a progetti di ricerca europei e nazionali, dalla cooperazione con il mondo industriale e da altre analoghe "fonti esterne", sia una elevata produzione scientifica dell’IREA, caratterizzata da pubblicazioni sulle più prestigiose riviste nei settori di riferimento. 

Tali dati dimostrano le notevoli capacità di autofinanziamento e di produzione scientifica dell'Istituto che si confermano nel tempo, come evidenziato dalle due tabelle di seguito riportate che sono relative all'evoluzione dei finanziamenti e delle pubblicazioni nel periodo 2015-2018. 

bilancio 2015-2018

Emerge un quadro certamente positivo per quanto riguarda il funzionamento ed il clima dell'Istituto, la capacità di valorizzare la sua specifica multi-disciplinarietà e di interagire con la realtà scientifica e socio-economica, la motivazione e produttività dei ricercatori.

L’IREA è pienamente inserito nel contesto della ricerca nazionale ed internazionale, con forti collaborazioni con molte Università e Centri di Ricerca sia nazionali che esteri, nonché con Aziende e Istituzioni locali, soprattutto in Campania, Lombardia e Puglia, in un quadro di forte integrazione con la realtà economica ed istituzionale del paese.

Ampio e prestigioso è l’insieme dei soggetti committenti delle attività di ricerca e sviluppo realizzate dall’Istituto, fra i quali ci sono la Commissione Europea, l’Agenzia Spaziale Europea, l’Agenzia Spaziale Italiana, il Dipartimento della Protezione Civile, Regioni e Amministrazioni Locali, varie imprese nazionali ed estere. L’IREA è centro di competenza per il Dipartimento della Protezione Civile (DPC) per il monitoraggio satellitare delle deformazioni del suolo, partecipa al Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT) e al Centro Interuniversitario sulle Interazioni tra Campi ElettroMagnetici e Biosistemi (ICEMB). Sempre in ambito nazionale, l’Istituto fa parte della piattaforma SPIN-IT, la piattaforma Tecnologica Nazionale dedicata allo Spazio, e partecipa alle attività della piattaforma Tecnologica Nazionale della Sicurezza SERIT (SEcurity Research in ITaly). Infine, l’Istituto ha contribuito attivamente alle attività del Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio (CTNA).

L’IREA è anche molto ben radicato sul territorio dove partecipa al Centro di competenza della Regione Campania sull’ICT (CeRICT) ed al Distretto ad Alta Tecnologia per i Beni Culturali (Databenc); in Lombardia partecipa alle attività del Distretto Aerospaziale Lombardo (DAL), del cluster regionale Tecnologie per le Smart Communities e fornisce supporto tecnico-scientifico alla Regione nell’ambito del Network of European Regions Using Space Technologies (NEREUS), piattaforma europea portavoce delle strategie regionali sulle tematiche spaziali.

L’Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente (IREA) fu costituito in via sperimentale il 18 aprile 2001 e in via definitiva il 12 aprile 2002 nell’ambito del processo di razionalizzazione della rete degli Istituti di Ricerca del CNR prevista dal decreto legislativo 30 gennaio 1999, dall'unione dei reparti di Elettromagnetismo e Bioelettromagnetismo dell'ex Istituto di Ricerca per l'Elettromagnetismo e i Componenti Elettronici (IRECE) di Napoli e del reparto di Telerilevamento dell'ex Istituto di Ricerca per il Rischio Sismico (IRRS) di Milano. 

In tali Istituti era già consolidata, con un significativo riconoscimento a livello nazionale ed internazionale, un’attività di ricerca incentrata sul telerilevamento, la diagnostica elettromagnetica, nonché sul controllo del rischio ambientale, con particolare riferimento a quello elettromagnetico.

La fusione delle competenze acquisite in questi settori ha prodotto una realtà nuova in ambito CNR che, nel corso degli anni, ha dimostrato la sua valenza nel panorama internazionale e nazionale della ricerca.

Nel giugno 2018 l’IREA si è ampliata con la costituzione di una nuova Sede secondaria a Bari dove è confluito il gruppo di Osservazione della Terra dell’Istituto sui Sistemi Intelligenti per l’Automazione (ISSIA).

 

 

«InizioPrec.2122232425262728Succ.Fine»
Pagina 28 di 28