Olga Zeni

Olga Zeni

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Dipartimento di Scienze Ambientali

Valutazione dell'induzione di stress ossidativo in colture cellulari esposte a radiofrequenza (900 MHz, segnale GSM) 

 

Attività: 

Effetti biologici di campi elettromagnetici di alta frequenza 

 

Progettazione e realizzazione di sistemi di esposizione per colture cellulari operanti alla frequenza di 900 MHz (segnale GSM) e dosimetria numerica e sperimentale. 

 

Attività: 

Effetti biologici di campi elettromagnetici di alta frequenza 

Progettazione e realizzazione di sistemi di esposizione in bassa frequenza (50 Hz) per esposizioni di colture cellulari 

 

Attività: 

Effetti biologici di campi elettromagnetici di bassa frequenza 

Il progetto è motivato dalla esigenza-opportunità di disegnare e sviluppare un piano di ricerca-sviluppo e industrializzazione delle Tecnologie della Conoscenza ah hoc per il mare, promuovendo il connubio fra l’industria nazionale marittima e il sistema ricerca.
 
Committente: Regione Campania, bando regionale CAMPUS per Progetti di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale

Prime contractorIndustria Armamento Meridionale SPA (INARME)

Periodo di attività: 2012 - 2015

Finanziamento IREA: € 311.237

Responsabile IREA: Francesco Soldovieri

Attività:  Monitoraggio dello stato del mare

Utilizzo di tecniche interferometriche per lo studio delle deformazioni in aree vulcaniche

Il progetto, finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) nell’ambito di una cooperazione con l’Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA),  riguarda l’utilizzo congiunto di dati Radar ad Apertura Sintetica (SAR) in banda X e banda L per la misura di deformazioni del suolo in aree vulcaniche, anche in supporto alla modellazione geofisica delle sorgenti magmatiche.

Committente:  Agenzia Spaziale Italiana (ASI) 

Prime contractor: IREA

Partner: Università di Roma3, INGV Catania

Periodo di attività: luglio 2011 - luglio 2013

 

Responsabile IREA:

Eugenio Sansosti

Personale coinvolto:

Susi Pepe, Giuseppe Solaro, Francesco Casu, Antonio Pepe, Piero Tizzani

Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell'Informazione

Progettazione e realizzazione di sistemi di esposizione a radiofrequenza per sperimentazioni in vitro; misure di campo magnetico ed elettromagnetico in ambiente urbano e lavorativo 

Attività: 

Effetti biologici di campi elettromagnetici di alta frequenza 

 

Veicolazione di nanoparticelle magnetiche funzionalizzate in cellule tumorali di mammifero al fine del miglioramento delle attuali tecniche di imaging per il tumore al seno.  

Attività: 

Interazione tra campi elettromagnetici e nanoparticelle 

 

Studio di fattibilita' di sistemi di esposizione ottimizzati per l'imaging diagnostico a microonde del tumore al seno.
Analisi e realizzazione di fantocci simulanti i tessuti mammari che sono necessari per le verifiche di fattibilita' delle tecniche di imaging. 

Attività: 

Campi Elettromagnetici in Diagnostica clinica ed in Terapia

 

http://www.dieti.unina.it/

Effetti dei campi elettromagnetici alle frequenze in uso per la telefonia mobile (GSM e UMTS) in colture cellulari umane

Oggetto del presente contratto è lo studio degli effetti indotti da esposizioni a campi elettromagnetici alla frequenza di 1800 MHz (GSM 1800 e UMTS) in linfociti umani da sangue periferico. Campioni di sangue da soggetti sani sono stati esposti,  per 24 e 44 ore, in condizioni intermittenti i cui periodi  on-off sono stati modulati  in base ai valori di SAR scelti e i relativi incrementi termici. Sono stati studiati sia gli effetti genotossici sia la cinetica del ciclo cellulare, applicando il test del micronucleo con il blocco della citodieresi. Non sono stati riscontrati effetti sull’ integrità del corredo cromosomico e sulla proliferazione cellulare, in seguito a  brevi esposizioni prolungate nel tempo, che simulano la condizione di esposizione reale degli utilizzatori di telefonia mobile.

Committente: Telecom Italia Lab

Periodo di attività

Responsabile IREA:

 

Centro Regionale di Competenza sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Committente: Regione Campania

Nell’ambito del Centro Regionale di Competenza sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, polo  Sicurezza  Elettromagnetica nei  sistemi  wireless terrestri,  l’Unità Operativa dell’IREA si è occupata dell’eventuale rischio biologico legato alle tecnologie wireless che utilizzano nuovi parametri inerenti al campo (portante) ed al segnale (modulazione). A tale scopo è stato progettato, realizzato e caratterizzato dosimetricamente un sistema ad hoc per l’applicazione del campo operante alla frequenza di 1950 MHz e segnale UMTS, cui è seguita una sperimentazione biologica volta a valutare il danno diretto alla molecola di DNA (test della cometa) e l’induzione di stress ossidativo (ROS e GSH) in cellule di mammifero. Non sono stati riscontrati effetti di esposizioni a valori di SAR compatibili con i limiti imposti dalla normativa per queste frequenze.

 

Responsabile:

 

Personale coinvolto:

THz radiation in Biological Research: Investigation on Diagnostics and study of possible Genetic Effects (THz-BRIDGE)

L’attività IREA nell’ambito di tale progetto ha riguardato l’ individuazione dei potenziali rischi legati all’ esposizione a campi elettromagnetici alle frequenze dei THz nel range 100-150 GHz. L’interesse per questo specifico ambito di frequenze deriva dal fatto che recenti tecnologie utilizzano tale range di frequenze per applicazioni in campo medico e biologico. Sono stati esposti campioni di sangue umano al fine di valutare l’induzione di effetti genotossici nella popolazione linfocitaria mediante il test del micronucleo con il blocco della citodieresi che evidenzia danni al corredo cromosomico, ed il test della cometa, di più recente introduzione, che evidenzia i danni a carico del DNA che, se riparati dai meccanismi omeostatici cellulari, potrebbero non essere evidenziati con il test del micronucleo. Non sono stati riscontrati effetti genotossici in seguito ad esposizioni di 20 min alle frequenze di 120 e 130 GHz. 

Committente: Comunità Europea (V Programma Quadro)

Periodo di attività

Responsabile IREA:

Micronucleus induction in human lymphocytes following exposures to Radiofrequency Radiation

“Cellular Telecommunications & Internet Association (CTIA)”, nell’ambito del “Cooperative Research and Development Agreement (CRADA)” con la FDA, ha finanziato un progetto di ricerca volto alla ripetizione degli esperimenti di un gruppo di ricerca americano in cui vengono trovati effetti genotossici in linfociti umani esposti per 24 ore ad un campo elettromagnetico alla frequenza di 900 MHz. A tale scopo  il gruppo di bioelettromagnetismo dell’IREA ha valutato l’insorgenza di effetti genotossici, mediante l’applicazione del test del micronucleo con il blocco della citodieresi, in linfociti umani esposti per 24 ore a un campo elettromagnetico di  900 MHz. E' stato applicato il segnale GSM e tre valori di SAR: 1, 5 e 10 W/kg in condizioni estremamente controllate di temperatura e dosimetria. Non sono stati confermati gli effetti genotossici riportati dal gruppo americano.

Committente: Cellular Telecommunication and Internet Association

 

Responsabile

 

Personale coinvolto: 

«InizioPrec.1234567Succ.Fine»
Pagina 2 di 7