Lunedì, 04 Marzo 2019 15:43

L’IREA sceglie ONDA per l'elaborazione di dati InSAR su larga scala

Logo OndaL'IREA, Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell'Ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), ha selezionato ONDA, attraverso un bando pubblico aperto alle piattaforme DIAS, per fornire risorse cloud per l'elaborazione dei dati Sentinel-1. 

L’IREA ha già utilizzato la piattaforma ONDA per lo sviluppo di prodotti sulla deformazione superficiale implementando tecniche interferometriche SAR (InSAR).

"Siamo molto lieti di continuare la nostra collaborazione con ONDA", ha affermato Riccardo Lanari, direttore dell'IREA. "Riteniamo che la flessibilità e l'affidabilità della piattaforma ONDA saranno un vantaggio per noi, soprattutto per quanto riguarda i nostri sviluppi di elaborazione dei dati InSAR su larga scala. Infatti, queste caratteristiche possono essere particolarmente rilevanti per le nostre attività, svolte a supporto del Dipartimento della Protezione Civile e all’interno del servizio tematico "Satellite Data" dell’European Plate Observing System (EPOS), il Consorzio Europeo per le Infrastrutture di Ricerca (ERIC) focalizzato sulla Terra Solida. "

 

Figura news per ONDA

 
La figura sopra è un esempio dei prodotti elaborati dall'IREA attraverso le risorse cloud ONDA e mostra i risultati relativi alle mappe di velocità di deformazione media generate e le serie temporali corrispondenti di 7 sezioni della traccia discendente n. 154 del satellite Sentinel-1. Si noti che una grande area della Spagna viene mappata attraverso le prime 6 sezioni, mentre la settima copre la Normandia. Per dare un'idea del contenuto informativo dei prodotti generati, viene presentato anche uno zoom di un'area selezionata (che mostra un modello di deformazione localizzato), così come le serie temporali di deformazione recuperate di un pixel. L'area mappata si estende per quasi 150000 km2 e per ciascuna sezione è stata elaborata la serie che va da un minimo di 142 a un massimo di 160 immagini Sentinel-1.

 


Vai alle altre notizie in evidenza 

 

Letto 2331 volte